Vademecum Piante

Vademecum Piante

ALOE (aloe barbadensis)

L’aloe chiamata anche “gliglio del deserto”, cresce in aride zone deserte, Nelle sue spesse foglie verdi conserva un gel trasparente, una specie di riserva idrica che permette alla pianta di sopravvivere anche a lungji periodi di siccità. Il gel ricco di preziose sostanze quali vitamine, enzimi ed aminoacidi essenziali, protegge la pelle dalla disidratazione e grazie alle sue proprietà lenitive e rinfrescanti, offre un atrattamento dopo l’esposizione al sole.

AMAMELIDE ( hamamelis virginiana)
I fiori di questo piccolo albero sono costituiti principalmente da tannini, flavonoidi e composti fenolici, mentre la corteccia è ricca di tannini e saponine. Il distillato di amamelide possiede un’azione astringente, vasoregolatrice che lo rende particolarmente utilie per l’uso esterno come astringente e cicatrizzante nel trattamento dell’infiammazione della cute.

ARNICA MONTANA
La pianta officinale, frequente nei prati e pascoli di montagna è nota fin dall’antichità come pianta vulneraria, calmante, revulsiva e analgesica. L’estratto oleoso o la tintura sono apprezzati per decongestionare infiammazioni da punture d’insetti e per trattare traumi. L’arnica impiegata nei prodotti Weleda proviene dalla raccolta spontanea ecologica e certificata e da progetti di coltivazione ecologica con partner in Francia e Romania.

BETULLA (Betula alba)
Albero che popola le regioni europee settentrionali. I preparati (decotti) delle giovani foglie di betulla attivano il metabolismo dei liqidi, possiedono proprietà purificanti, diuretiche e combattono l’eccesso di acidi unici e colesterolo. L’estratto di corteccia di betulla che grazie alle sue proprietà purificanti è apprezzato per lavaggi esterni in caso di affezioni cutanee.

CALENDULA Officinalis
Nota pianta officinale dalle proprietà cicatrizzanti, lenitive e antisettiche. Nei fiori e nelle parti verdi la pianta presenta carotenoidi, flavonoidi e oli essenziali. I fiori seguono il sole come il girasole. Preparazioni con estratto di fiori di calendula sono validi aiuti nel trattamento di irritazioni, arrossamenti e altri problemi cutanei. 

CAMOMILLA /Chamomila recutita matricaria)
In medicina questa pianta officinale è nota per le sue proprietà antispasmodiche, sedative, antimicotiche. A livello cutaneo l’estratto di fiori di camomilla svolge un’azione lenitiva antinfiammatoria e favorisce la cicatrizzazione. La Camomilla romana ha proprietà terapeutiche e indicazioni simili a quelle della Matricaria ma con attività di blanda. L’olio essenziale contiene una sostanza calmante e lenitiva chiamata azulene.

CERA D’API (Cera flava)
La cera d’api è un prodotto che viene dalla secrezione endocrina dell’ape. Possiede ottime proprietà dermoprotettive, offrendo alla pelle protezione dalla disidrazione senza ostacolare la respirazione cutanea. Come emulsionante naturale, contribuisce a mantenere stabile la consistenza di preparazioni cosmetiche. Con cera Flava si intende la cera d’aèi vergine o (gialla) nono sbiancata cioè decolorata per mezzo dei raggi UV. 

FRUMENTO (Triticum volgare)
L’olio di germe di grano è naturalmente ricco di vitamina E (tocoferolo), lecitina, acidi grassi mono – e polinsaturi, acido oleico, linoleico. Assorbito direttamente dalle membrane delle cellule cutanee rinforza la loro struttura e resistenza, donando più elasticità alla pelle. I germi di grano non contengono ancora le proteine (glutini) presenti nel grano naturo, perciò l’uso dermatologico di questo olio non crea problemi di intolleranza.

GIRASOLE (Helianthus annuus)
Dai semi/frutti di girasole si ottiene un olio ricco di acidi grassi insaturi, che forma una base ideale per cosmetici. In alcuni prodotti viene ulizzato anchel’estratto dei petali di questo fiore, che contiene caroteni ed è tradizionalmente apprezzato per le sue proprietà lenitive. 

IRIS GERMANICA
Dal rizoma di questa pianta appartenente alla famiglia dei gigli, si ottiene un estratto dal delicato profumo di violetta, che porta in sè la straordinaria capacità della radice d’iris di conservare l’acqua per sopravvivere anche a lunghi periodi di siccità. Preparazioni cosmetiche a base di estratto d’iris sono mirate a regolare l’equilibrio idrolipidico della pelle.

JOJOBA (Simmondsia chinensis)
Originaria dell’Arizona e della California questa pianta era nota anche agli Aztechi che la usavano come cibo e per curare affezioni della pelle e ferite. Cresce in molte regioni semi-aride del mondo, dove c’è una temperatura abbastanza alta. L’olio di jojoba – in realtà si tratta di una cera liquida – trova impiego in preparazione di emulsioni dermo-farmaceutiche con proprietà protettive, nutriente, emollientei ed ammorbidenti ed è sovente utilizzato per prevenire l’invecchiamento della pelle e la comparsa di rughe. La particolare natura dei suoi costituenti lipidici permette da un lato una maggiore penetrazione ed un pronto assorbimento epidermico, dall’altro un’elevata attività filmogena. Ha azione protettiva anche contro il sole, in virtù della stabilità di queste molecole ai raggi UV.

LAVANDA (lavandula angustifolia)
L’olio essenziale di lavanda distillato dai fiori di lavanda è apprezzato per le sue proprietà purificanti, calmanti e distensive. 

LIMONE (Citrus medica limonum)
L’estratto, ossia il succo spremuto dal frutto (in INCI: juice) è ricco di vitamina C e svolge una spiccata azione tonificante e astringente. In alcune formulazioni viene impiegato invece l’olio essenziale che oltre alle sue proprietà rinfrescanti, tonificanti e corroboranti, svolge anche un’azione depurativa e purificante.

MANDORLA (prunus amygdalus dulcis, sweet almond)
L’olio quasi trasparente e inodore pressato dai semi del mandorlo è particolarmente dolce e delicato ed è per questo ottimamente tollerato anche da pelli molto sensibili. Affine ai lipidi cutanei viene ben assorbito dalla pelle e, grazie all’alto contenuto di acidi grassi mono e plinsaturi, favorisce la formazione del manto protettivo, proteggendola dalla disidratazione erendendola morbida e vellutata.

MELOGRANO (Punica granatum)
Dai semi della melagrana si ottiene un olio particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi (70% degli acidi grassi totali), trigliceridi, betacarotene, vitamina C ed E, che possiede ottime proprietà antiossidanti, elasticizzanti e rigeneranti per la pelle. 

OLIVELLO SPINOSO ( hippophae rhamnoides)
I frutti di questo arbusto contengono preziosi oli non solo nel seme anche nella polpa. RIcco di aaacidi grassi insaturi e polinsaturi, vitamina C, carotenoidi (provitamina A) e tocoferolo (vitamina E). L’olio di olivello spinoso è apprezzato per le sue proprietà ristrutturanti e antiossidanti, mentre il succo, per il suo alto contenuto di vitamina C, è un ottimo sostegno delle difese immunitarie.

RATANIA (Krameria trandra)
La robusta radice di questa pianta originaria del Perù contiene tannini condensati catechinici e acidi tannici. L’estratto dalla radice essiccata dall’azione astringente e antinfiammatoria è particolarmente apprezzato in prodotti per la cura e l’igiene orale. 

ROSA MOSQUETA (Rosa moshata)
Il preziosissimo olio pressato dai semi di questa rosa selvatica è inodore e leggermente giallastro. Grazie all’alto contenuto di acidi grassi polinsaturi favorisce la rigenerazione della pelle. L’acido retinico (derivato dalla vitamina A) rende l’olio di rosa mosqueta particolarmente efficace nella prevenzione dei fotoinvecchiamento cutaneo. In medicina è apprezzato per le sue proprietà cicatrizzanti e rimineralizzanti. L’estratto delle foglie verdi della rosa selvatica possiede una delicata fragranza ed è ricca di tannini che gli conferiscono ottime proprietà tonificanti e leggermente astringenti.

ROSMARINO (Rosmarinus officinalis)
Dalle sommità di questa pianta officinale si estrae mediante distillazione l’olio essenziale dall’intenso aroma che possiede proprietà antispasmodiche, carminative, eupeptiche e coleretiche, balsamiche, diuretiche, antisettiche, cicatrizzanti. Inoltre è rubefacente, stimolante (circolazione) e tonico (nervoso generale).

SALVIA (Salvia officinalis)
L’olio essenziale distillato dalle foglie essicate della salvia officinale aromatica possiede proprietà eupeptiche, antispasmodiche, antimicrobiche, antisettiche e cicatrizzanti, che lo rendono adattato per uso esterno all’impiego in preparazioni per la cura del cavo orale, in lozioni detergenti, saponi e deodoranti. Le foglie di salvia sono apprezzate in cucina e la medicina conosce l’impiego dell’estratto per disturbi digestivi, come diuretico e per le turbe mestruali. La salvia sclarea ha proprietà neurotoniche analgesiche, antispasmolitiche ed anticonvulsive, particolarmente utili nella cura dei disturbi femminili. L’olio essenziale svolge inoltre un’azione antimicotica, antinfettiva, antisudorifere, estrogeno-simile.

SESAMO (Sesamum indicum)
Dai piccoli semi di questa pianta erbacea della famiglia delle Pedaliacee, si ricava un olio ricco di antiossidanti, vitamine (A+E) e acidi grassi polinsaturi, apprezzato per le preziose quantità salutari e nella dermocosmesi per le proprietà protettive e nutrienti per la pelle.

VIOLA (Viola tricolor)
L’estratto di questa piccola pianta dai fiori decorativi, contiene acido salicilico, tannini e flavonoidi ed è noto per le proprietà lenitive e antinfiammatorie.

Lascia un commento