Struttura della pelle

pelleOrgano che ricopre e riveste il corpo dell’uomo e degli animali, detta cute. Negli esseri umani è l’organo più esteso e protegge i tessuti sottostanti (connettivo, muscoli, ossa, organi interni). Il colore della pelle nell’uomo dipende dallo spessore dello strato corneo, dallo stato di sanguificazione, dalla presenza e assorbimento ottico di melanina, betacarotene ed emoglobina.

Alla sua base ci sono numerosi strati di cellule che si riproducono in continuazione. Nell’epidermide si possono riconoscere più strati, dal basso verso l’alto:
1. Uno strato basale di cheratinociti, cellule cubiche che contengono tonofilamenti ovvero filamenti intermedi di cheratina.
2. Uno strato spinoso composto da cellule poliedriche costituite da proteine di membrana e granuli lamellati.
3. Uno strato granuloso composto da cellule pavimentose ricche di cheratina e di granuli di chetoialina.
4. Uno strato corneo in cui le cellule ormai sono ridotte a lamine

Fondamentale è tenere la pelle ben pulita, in quanto una scarsa pulizia favorisce il diffondersi di elementi patogeni e malattie. Tale pratica aiuta la pelle a svolgere e conservare le sue funzioni di rivestimento, protezione, secrezione, termoregolazione, sensoriale e immunitaria. Nel corso dei secoli sono stati ideati saponi e detergenti vari che hanno lo scopo di non aggredire la pelle, già ai tempi delle terme romane o dei bagni pubblici giapponesi. Con l’età la pelle si invecchia, divente fragile e sottile in quanto la rigenerazione cellulare diventa più lenta, causando il formarsi delle detestate rughe che non sono solo la conseguenza della diminuzione dell’elasticità della pelle. Infatti è possibile riscontrare rughe anche in giovani, questo è dovuto al fatto che le rughe si formano dove avvengono i movimenti muscolari più importanti, che richiedono alla pelle un’elasticità particolare.

Lascia un commento