Turchia

Popolazione: 68.109.469 ab. su un’area di 780.580 km²
Capitale: Ankara
Lingua: Turco
Ambasciata: d’Italia in Turchia Atatürk Bulv. No: 118, Kavaklidere
Tel: (312)4265460-63, Fax: (312)4265800 – Ambasciata turca in Italia Piazza della Repubblica, 56 – 00185 ROMA
Tel : +39 / 06 / 487 11 90 – 06 487 13 93
Fax : +39 / 06 / 488 24 25
E-mail : turchia@turchia.it
Telefono/Internet: dall’Italia + 90
Religione: Musulmani sunniti e sciiti 97%, cristiani 2%, atei e agnostici 1%
Moneta: la nuova lira turca (YTL, Yeni türk lirasi)
Fuso orario: GMT + 2 ore

Simbolo della Turchia mussulmana

Situata geograficamente e storicamente a cavallo tra Europa ed Asia, la Turchia appare ad un occhio occidentale una terra di grandi contrasti: un paese fortemente islamico in uno degli Stati più laici del mondo. Nel territorio della Turchia si possono distinguere 5 grandi zone: La Tracia orientale, che costituisce la Turchia europea, l’altopiano Anatolico che corrisponde all’odierna Turchia asiatica; grazie alla sua posizione strategica di comunicazione fra Asia ed Europa, l’Anatolia è stata la culla di numerose popolazioni e civiltà fin dall’età preistorica, e stesso insediamento di Troia (a regione corrispondente all’antica Armenia, l‘arco montuoso delle Alpi Pontiche e l’arco montuoso del Tauro, formato da massicce catene montuose calcaree). La decadenza politica e militare dell’Impero Ottomano (‘impero fondato dai turchi ottomani probabilmente già nel 1299 che durò fino al 1923) portò alla costituzione della Repubblica Turca che fu fondata nel 1923. In questo contesto emerse la figura di Mustafa Kemal, un ufficiale del disciolto esercito Ottomano che divenne il primo Presidente. Tra le varie riforme attuate da Mustafa Kemal sicuramente la più importante è quella linguistica. La lingua turca fu epurata dai prestiti arabi adottando una variante leggermente modificata dell’alfabeto Latino, più adatto alla lingua stessa. Il suffragio universale fu esteso anche alle donne, cosa non ancora presente in molti paesi europei e invitò i suoi abitanti a vestire all’occidentale. Il 6 ottobre del 2004, la Commissione europea ha dato parere positivo ad una futura adesione della Turchia alla Comunità europa. L’offerta di Bruxelles chiede alla Turchia di riconoscere la parte greca di Cipro in modo ufficiale e il riconoscimento del genocidio che si consumò 90 anni fa. 

Cosa vedere in Turchia: Instanbul, Bosforo, Ankara, Anatolia, Cappadocia, Pammukale, la vecchia città di Troia, Smirne, Kusadasi e le isole del mare Egeo appartenenti alla Turchia (Isole egee, Imrali, isole dei principi, Kara ada, kekova, Tenedo)

Lascia un commento